mercoledì 25 febbraio 2009

Le mie prime calze!

Ho comprato i ferri a 2 punte per fare il collo di una maglia, allora ho pensato di realizzare per la prima volta delle calze. Ho girato parecchio per trovare le istruzioni, ma in italiano non sono riuscita a scovare nulla quindi ho guardato diversi modelli e ho azzardato a fare queste calzette per Beatrice, ha il piede piccino quindi ho impiegato poco per lavorarle. Confesso di aver sfilato più volte il lavoro ma alla fine ecco il risultato:


Ho trovato un pò di difficoltà nel tallone, ho optato per questa soluzione ma nei prossimi farò diversamente:
Ovviamente anche la punta mi ha dato non pochi problemi:

Tenterò di darvi la mia spiegazione alla fine del post, così se qualche principiante come me volesse provare ........


SPIEGAZIONE

Io ho usato una lana molto grossa, non conosco il n° perche' era nel cestone dei gomitoli avanzati senza il cartellino. I ferri a doppia punta sono n°4. Il modello corrisponde a una scarpa n° 30.

Avviare con il gioco di ferri 50 maglie e lavorare a coste 1/1 per 13 giri. Quindi proseguire sulle 50 maglie lavorando 1 maglia rovescia e 4 diritte per 4 ferri, nel 5° giro fare le trecce sulle 4 maglie diritte. Continuare con altri 4 ferri in questo modo: 1 rovescio e 4 diritti e infine al 5° ferro fare le trecce. In corrispondenza di quest'ultimo ferro lasciare in sospeso 26 maglie e proseguire con le 24 maglie a punto coste 4/1 per 4 giri (il tallone); al 5° giro diminuire all'inizio e alla fine di ogni ferro 1 maglia (prendendo 2 maglie assieme) fino a lasciare 14 maglie. Quindi riprendere 7 maglie laterali e proseguire con le 24 maglie centrali (seguendo il punto treccia), riprendere altre 7 maglie lungo l'altro lato del tallone. Continuare a lavorare con il gioco di ferri fino alla 7° treccia, in corrispondenza della quale si inizia a diminuire sul lato destro per il calzino destro (e sul lato sinistro per il calzino sinistro), 1 maglia alla fine delle 26 maglie centrali dove si e' proseguito col punto treccia, per due giri. A questo punto si diminuiscono su entrambi i lati 2+2 maglie, prendendo 2 maglie assieme e facendo un'accavallata semplice su entrambi i lati fino a lasciare 28 maglie in totale (14+14). Per chiudere, tagliare il filo lasciando circa 20 cm di lunghezza, usando l'ago da lana cucire le maglie lasciate in sospeso con la cucitura a punto maglia che consente di ricostruire le maglie in orizzontale.

FINE!

8 commenti:

IL Cielo di Praga ha detto...

sono bellissime esicuramente caldissime...un brava e un abbraccio forte

Laura ha detto...

Bravissima!
Non è facile lavorare con tanti ferri, per lo meno io ho trovato difficoltà e non mi è piaciuto.
Una volta riuscivo a farle con due ferri e mi rimaneva da cucire solo la parte dietro, dal carcagno in su.
Ho conservato tante cose ma non so se posso ancora avere le spiegazioni per farle.
Dovrei "buttare all'aria" e cercare.
Tu sei stata molto brava. Un abbraccio

silvana ha detto...

grazie, le calze sono veramente calde, parola di beatrice (la mia piccina).
@laura=anch'io tanti anni fa facevo le scarpine da neonato solo con due ferri e quindi una cucitura, pero' da poco ho scoperto questo nuovo modo e devo dire che mi piace!

anna righeblu ha detto...

Che belle che sono!
Non è facile lavorare con i ferri da calza... e il risultato non è sempre così bello, soprattutto all'inizio.
Bravissima!

Buon fine settimana e a presto

Laura ha detto...

Silvana, tutto bene?

rosy ha detto...

che belli, sai che io non ho mai fatto i calzini a quattro aghi??? proverò anch' io a farli, spero che non sia tanto difficile, le tue spiegazioni mi sembrano molto chiare.... ciao

silvana ha detto...

@laura: tutto ok, come ti ho gia' detto sono stata un po' impegnata.
@rosy: anche per me e' stata la prima volta, e ti confesso che mi aspettavo fossero piu' difficili, invece in un pomeriggio si finiscono!

Anonimo ha detto...

ciao silvana trova almeno 6 persone ed un buco e ci vengo veramente
maria rosa